vaccini_b

Vaccinazioni: lo sfogo sdegnato di una madre verso un pediatra

Ho ricevuto questa email che contiene uno sfogo più che giustificato di una madre verso un’amica Pediatra. È la storia di tutti i giorni: quando noi Medici impareremo ad essere più umili e più aperti verso i nostri pazienti?

“Cara Dr.ssa, mi sto facendo un’idea e fino a quando non avrò un quadro chiaro dei pericoli e dei benefici dei vaccini, non farò inoculare alcuna sostanza nel corpo di un bambino SANO.

Tu che sei Medico, che sei pro vaccini, che inviti la gente a farsi vaccinare, firmeresti un foglio in cui ti assumi la responsabilità qualora mio figlio riportasse gravi danni o patologie più o meno invalidanti a seguito della vaccinazione? Non credo.
In fondo dici che sono sicuri ed essenziali per il benessere della comunità …. E allora?

Una volta, non essendoci internet, purtroppo la gente doveva attenersi a ciò che dicevano i Medici senza avere gli strumenti e la conoscenza per controbattere, non potendo accedere a informazioni di carattere medico quali libri, dati e riviste medico-scientifiche specializzate. Una volta i Medici scrivevano in modo tale che un paziente non riusciva neppure a decifrare quanto scritto sulla sua cartella clinica o sulla ricetta prescrittagli. C’era molta ignoranza e poco voglia di capire.

Ora è diverso, anche grazie a internet che consente l’accesso a moltissimi siti specializzati, accreditati, contenenti anche bibliografie della letteratura medica da poter consultare. I Medici che si sono posti delle domande (a differenza di altri che per comodità, mancanza di tempo e voglia, o semplicemente per ottusità in taluni spiacevoli casi) sono professionisti, laureati tanto quanto gli altri, specializzati in varie branche della Medicina, che in base all’esperienza sul campo (molti anche in Pronto Soccorso) sono incappati in discrepanze abissali che andavano contro ciò che avevano studiato all’Università, creando in loro dubbi profondi che richiedevano delle risposte, se non altro per etica, per amore della verità, e per far fede al tanto decantato Giuramento di Ippocrate.

I dati riportati su gran parte della letteratura medica appartengono a ricerche finanziate (85%!!!) dalle industrie farmaceutiche (lo si legge spesso a piè pagina di un grafico o di una tabella), condotte a loro volta da Medici STIPENDIATI dalle industrie stesse. Come potrebbero pubblicare qualcosa che vada contro i loro interessi? Scrivono quello che vogliono e che fa comodo a questo allucinante business.

I dati invece che riportano i Medici che hanno deciso di opporsi a questa politica sono stati condotti da ricerche e ricercatori che si AUTOFINANZIANO e riportano valori enormemente diversi!

Ora, a chi dovrei credere?

A coloro che mettono in commercio farmaci e vaccini, spesso inutili e dannosi (vedi tutti quelli dati per sicuri e ritirati poi dal mercato nel giro di pochi anni; vedi i vaccini col mercurio, ritirati dopo essere stati inoculati per decenni) e che creano (o nascondono…!) dati per motivi puramente economici (fa comodo avere gente ammalata, altrimenti su cosa guadagnerebbero questi Signori?) o dovrei FORSE dedicare un minimo di attenzione a Medici, ricercatori, professionisti che hanno deciso di andare contro corrente a loro rischio e pericolo, in nome sella verità, non percependo nulla e al contrario finanziando, a loro spese, convegni informativi, studi, ricerche e quant’altro?

Perché a questi convegni, seppur caldamente invitati, non partecipano MAI Medici pro vaccini? MAI!

La mia risposta: non sono sufficientemente preparati per controbattere!
Ma come? Ogni giorno voi spingete la gente a far vaccinare i loro figli (pur non sapendo se sono soggetti idonei, ad es. allergici, perché a 3 mesi chi può saperlo?) col rischio di indebolire anziché rafforzare il loro sistema immunitario, sovraccaricandolo e mandandolo in tilt con il risultato di farli conseguentemente ammalare in seguito alle più svariate patologie, dalle più “lievi” (allergie, dermatiti atopiche, ecc…) a patologie gravissime che forse non avrebbero mai avuto se non fossero state slatentizzate (sclerosi multipla, diabete mellito di I tipo, autismo, epilessia, ecc. ecc.)?
E poi dite di non essere sufficientemente preparati per controbattere?
Allora informatevi. STUDIATE. SVEGLIATEVI come hanno fatto questi vostri COLLEGHI. Ripeto: guarda (tutto) il video della conferenza sui vaccini tenuta dal Dr. Gava. La trovi sulla mia bacheca o su youtube. Spiega tutto alla luce del sole. Ed è un Medico laureato, specializzato in Cardiologia e Farmacologia, non un esaltato che ha fatto il corso di Omeopatia per corrispondenza … Ti lascio, ricordandoti che anche Galileo rischiò di essere messo al rogo, accusato di eresia, per aver sostenuto teorie che andavano contro corrente … Buona giornata. D. F.”.

Non so commentare questo sfogo materno, ma forse è meglio non commentarlo per non rovinare il messaggio che esso stesso lascerà nella nostra mente e spero anche nel nostro cuore.

Io, personalmente, mi inchino davanti a queste madri, e sono tante, che trovano il tempo e il coraggio di leggere e informarsi, proporzionatamente molto più di noi Medici, su argomenti che non sono di loro competenza e dei quali il più delle volte capiscono poco e che quindi le obbligano a studiare e informarsi ulteriormente.

Mi inchino davanti a queste madri che fanno tutto questo solo per amore verso i loro figli e che da dolci e premurose madri diventano leonesse inavvicinabili, inattaccabili e, spero un giorno non lontano, anche ammirevoli e degne di essere ascoltate e credute da noi, grandi e sapienti detentori dell’Arte Medica Moderna.

Davanti a loro, io mi sento molto meno medico di quello che pensavo di essere, perché devo imparare da loro ad annunciare con ancora più forza e coraggio la Verità.