Malattie infiammatorie intestinali: cause ed evoluzione clinica

Le malattie infiammatorie croniche dell’intestino sono considerate un problema nelle società industrializzate e sono attribuibili in gran parte a uno stile di vita moderno e ad altri fattori ambientali associati. La loro incidenza e prevalenza è in costante aumento anche nei Paesi in via di sviluppo ed è stata attribuita alla rapida modernizzazione e occidentalizzazione della popolazione stessa. [Continua a leggere]

Le malattie cardiovascolari continuano a crescere (dati, cause e pericolosità)

Nel gruppo delle patologie cardiovascolari rientrano le più frequenti patologie di origine atero- e arterio-sclerotica e più specificatamente:

  • le patologie ischemiche del cuore (infarto del miocardio, sindrome coronarica acuta e, più in generale, angina pectoris),
  • le patologie cerebrovascolari (ictus ischemico ed emorragico, ma anche demenza su base ischemica),
  • le arteriopatie periferiche (carotidee, degli arti inferiori, ecc.).

[Continua a leggere]

Il ruolo della Vitamina C nella prevenzione delle malattie

La vitamina C è utilissima, specie oggigiorno, per la prevenzione di molte patologie … sicuramente più di quelle che ognuno di noi può immaginare.

Potremmo dire che, attualmente, tutte le patologie infettive e quelle croniche-degenerative, specialmente quelle che sono aggravate o scatenate dall’inquinamento ambientale, hanno bisogno di una integrazione di vitamina C. [Continua a leggere]

Sintomi da carenza di vitamina C

Le persone che per molte settimane assumono poca o pochissima vitamina C con gli alimenti (meno di 10 mg al giorno) oppure che ne assumono una quantità normale ma la perdono totalmente perché sono portatrici di uno stato ossidativo importante (una delle patologie elencate nel capitolo precedente) possono sviluppare lo scorbuto, cioè una malattia che inizia in modo subdolo e insidioso con sintomi vaghi tipo: [Continua a leggere]

Come nasce una malattia?

Se vogliamo fare una vera prevenzione primaria, cioè fare in modo di non ammalarci, dobbiamo chiederci prima di tutto in che modo il nostro organismo si squilibra. Ebbene, lo fa in modo lento, graduale, giorno per giorno …
Siamo noi che costruiamo la nostra salute o la nostra malattia. [Continua a leggere]

Coronavirus: aiutiamo i nostri anziani

Sappiamo tutti che questo nuovo Coronavirus, a parte alcune eccezioni, non colpisce tanto i bambini e i giovani ma prevalentemente gli anziani e i soggetti immunologicamente deboli di qualsiasi età. Infatti, l’infezione è rarissima sotto i 18-20 anni di età e lo è anche tra i bambini piccoli, nonostante essi non siano certamente immunologicamente forti. In ogni caso, se anche questi soggetti si dovessero ammalare, generalmente la malattia si esprime in modo lieve e, almeno finora, sembra essere di rara mortalità.  [Continua a leggere]